Trama

I quattro membri della famiglia di Ki-taek sono molto uniti, ma anche molto disoccupati, e hanno davanti a loro un futuro incerto. La speranza di un’entrata regolare si accende quando il figlio, Ki-woo, viene raccomandato da un amico, studente in una prestigiosa università, per un lavoro ben pagato come insegnante privato. Con sulle spalle il peso delle aspettative di tutta la famiglia, Ki-woo si presenta al colloquio dai Park. Arrivato a casa del signor Park, proprietario di una multinazionale informatica, Ki-woo incontra la bella figlia Yeon-kyo. Ma dopo il primo incontro fra le due famiglie, una serie inarrestabile di disavventure e incidenti giace in agguato.


TRAILER



Recensione

Straordinario «Parasite»: al film coreano gli Oscar più importanti

Il lungometraggio di Bong Joon-ho ha ottenuto quattro statuette: miglior film, regia, sceneggiatura originale e film internazionale. Finalmente è successo davvero. Per la prima volta nella storia degli Oscar il premio più significativo – quello per il miglior film – è andato a un lungometraggio parlato in lingua non inglese. Si tratta di «Parasite», straordinaria pellicola del regista sudcoreano Bong Joon-ho, che aveva già trionfato a Cannes conquistando la Palma d'oro lo scorso anno e aveva poi vinto diversi altri riconoscimenti, tra cui il Golden Globe per il miglior film straniero.

di Stefano Biolchini e Andrea Chimento