Trama

Una serie di ricongiungimenti di Salvador Mallo, un regista cinematografico oramai sul viale del tramonto. Alcuni sono fisici, altri ricordati: la sua infanzia negli anni '60 quando emigrò con i suoi genitori a Paterna, un comune situato nella provincia di Valencia, in cerca di fortuna; il primo desiderio; il suo primo amore da adulto nella Madrid degli anni '80; il dolore della rottura di questo amore quando era ancora vivo e palpitante; la scrittura come unica terapia per dimenticare l'indimenticabile; la precoce scoperta del cinema ed il senso del vuoto, l'incommensurabile vuoto causato dall'impossibilità di continuare a girare film. Dolor y Gloria parla della creazione artistica, della difficoltà di separarla dalla propria vita e dalle passioni che le danno significato e speranza. Nel recupero del suo passato, Salvador sente l'urgente necessità di narrarlo, e in quel bisogno, trova anche la sua salvezza.


TRAILER



Recensione

Antonio Banderas trionfa come il #migliorattore per Dolor y Gloria di Pedro Almodóvar. 🙌

🎬 In Programmazione alla Multisala Arlecchino 🎬 • Dolor y Gloria | 22:30 Alla loro ottava collaborazione, il maestro spagnolo ha consegnato all'amico di lunga data il suo alter ego. Salvador Mallo è infatti un regista che lotta con la depressione e la fragilità fisica, in crisi di ispirazione e con la paura di non riuscire più a tornare sul set. L'attore profondamente commosso dal palco ha detto: "Mentre salivo Les Marches il direttore Frémaux mi ha chiesto: quando c'è voluto per venire? Intendeva da Londra o dalla Spagna, ma io gli ho risposto: quarant'anni. Mi ci sono voluti tutti questi anni per essere qui a ritirare questo premio per cui sono molto grato. Il riconoscimento è in nome del mio personaggio che si chiama Salvador Mallo che non è un mistero per nessuno è Pedro Almodóvar. "Io ho incontrato Almodóvar quarant'anni fa, lo amo, lo rispetto, è il mio mentore, mi ha dato tutto e questo riconoscimento glielo devo. Abbiamo sofferto, c'è dolore dietro il mestiere di artista e poi ci sono sere di gloria come queste. Il meglio deve ancora arrivare".